logo-fondazione  

    Misericordia Domini

Storia

La storia

Dal 1996 la Parrocchia Santi Filippo e Giacomo di Capua, che abbraccia il centro storico della città,  si è interrogata sulle istanze sociali che provengono dal territorio, aprendo cuore e mente ai tanti poveri che bussano alle sue porte. Accanto alle antiche povertà legate a famiglie monoreddito o multiproblematiche, ad anziani soli o malati, a giovani dipendenti da alcol e droga, ha incrociato i volti dei nuovi poveri: immigrati, senza lavoro, caduti nella rete della malavita o del gioco. Interpellata da queste “storie” di diversa umanità, la Parrocchia  negli anni ha “generato” tre Enti che, con modalità diverse, offrono una risposta progettuale ai bisogni del territorio casertano nella logica di un radicale ripensamento della Caritas e della sua opera. Non sarebbe possibile cogliere lo spessore degli interventi realizzati senza tener conto di questa molteplicità di soggetti che, sempre, hanno operato in modo sinergico.

Nel 2004, dopo un tirocinio cominciato con i ragazzi di strada, è nata Città Irene, Cooperativa di Solidarietà Sociale ONLUS che ha costruito la sua azione interfacciandosi con il pubblico e il privato e oggi progetta e realizza in ambito sociale nei diversi comuni del casertano. Per quanto concerne il settore anziani essa ha gestito l’Assistenza Domiciliare e i soggiorni climatici.

L'azione dei giovani che hanno dato vita alla cooperativa è stata affiancata, fin dai primi momenti, da un notevole numero di volontari di ogni età ed estrazione sociale che nel 2010 hanno costituito l'Associazione Misericordia Domini, iscritta all'albo del Volontariato della Regione Campania. Ad essa si ascrive la realizzazione della Casa della Divina Misericordia, Centro di Pronta e Temporanea Accoglienza in Capua nella quale oltre cento volontari gestiscono giorno e notte un Centro di Ascolto, uno Studio Medico, un Servizio di Distribuzione Abiti e Lavanderia, una Mensa giornaliera con annessa Distribuzione Viveri alle Famiglie, un Dormitorio Maschile e Femminile, una camera in cui accogliere donne provenienti dall’Area Carcere.

 I numeri di questi anni parlano da soli: 144 ospiti nei dormitori accolti per un minimo di quindici giorni ad un massimo di tre mesi, circa 50.000 pasti erogati, un numero incalcolabile di colloqui e interventi diversificati, il tutto adeguatamente documentato!  Solo al termine del percorso la Parrocchia si è resa conto che era necessario costituire un terzo ente che sostenesse gli altri due nella raccolta fondi e nella acquisizione di immobili destinati alla realizzazione di un sogno: La Città Solidale. In un tempo di crisi delle istituzioni, di scarsa capacità di progettazione sociale, di penuria di fondi pubblici e privati, solo il pieno coinvolgimento dei cittadini può rispondere in modo significativo alle diverse istanze degli antichi e nuovi poveri. Di qui la scelta di raccogliere intorno ad un unico progetto le forze vive della città diversificando le azioni sociali, per una vera solidarietà condivisa.

Nasce così nell’Aprile 2012 la Fondazione Misericordia Domini ONLUS, che diviene soggetto titolare della Casa della Divina Misericordia; del Centro di Mediazione Culturale, Centro di Mediazione Familiare e Segretariato Sociale, accreditati presso l’Ambito Territoriale C5; ereditando dalla Parrocchia anche una specifica attenzione che negli anni è stata posta agli anziani, in special modo quelli soli o malati, presso i quali è stabilmente attiva una rete di volontari.